Grundtvig



Home Page
The Education System
Photo Album

 

Nel piccolo Paese delle favole

 di Giuseppina Grisolia, Adalgisa Stabilito, Franca Cirimele -  Scuola Media statale “G. Caloprese” SCALEA (CS)

 Visita di studio Grundtvig  in Danimarca dal 13 al 17 settembre 2006

 L’Azione Grundtvig 3, che fa parte del programma Socrates,  finanzia la formazione in servizio all’estero di tutto il personale impegnato nell’educazione degli adulti e di cui sono destinatari i Centri Territoriali Permanenti e tutti gli Istituti e Organizzazioni appartenenti al sistema di istruzione formale e non formale degli adulti.

 E’ l’Azione che   si propone di migliorare   la qualità dell’educazione degli adulti e di rendere più accessibili a tutti i cittadini europei le opportunità di apprendimento  lungo tutto l’arco della vita.

 Nikolai Frederik Severin Grundtvig (1783 – 1872), religioso danese e scrittore, è riconosciuto come il padre ideologico dell’istruzione popolare nell’età adulta. Il suo pensiero, la sua “illuminazione della vita”, mirò a dare ad ogni individuo, a prescindere dalla sua età o formazione culturale, l’opportunità di apprendere lungo tutta la durata della vita. Gli obiettivi di questo apprendimento sono duplici, da una parte la realizzazione personale dell’individuo e dall’altra l’assicurare la partecipazione attiva di ogni cittadino nella vita pubblica.

 

      

             Come metodo di apprendimento, Grundtvig prediligeva l’uso del dialogo e della trasmissione verbale della cultura. Egli credeva fermamente che l’insegnamento dovesse essere fondato sulle esperienze di vita reale e non su questioni astratte. Queste idee portarono alla fondazione della Scuola Superiore Nordica Popolare. Questi istituti di educazione “non-formale” per adulti sono oggi componenti consolidate del sistema educativo dei Paesi scandinavi e sono altresì diffusi anche in altre nazioni.

 Copenhagen è stato lo scenario incantevole in cui si è svolta una visita di studio del programma Grundtvig, alla quale hanno partecipato il Dirigente scolastico prof. Giuseppina Grisolia, il DSGA dott. Adalgisa Stabilito e la prof. ssa Cirimele Franca.

  

 La visita si è svolta dal 13 al 17 settembre 2006 ed è stata organizzata da Mrs Aase Steinmetz per il VUC Vestsjaelland Syd in cooperation with CVU Kobenhavn og Nordsjaelland di Slagelse, dal titolo “Internet based collaborative learning in practice (ICL)”. La lingua di lavoro della visita è stato l’inglese.

 La visita di studio è stata realizzata in collaborazione con i seguenti Enti

 

1

 

VUC Vestsjælland Syd

Denmark

2

 

CVU København og Nordsjælland

Denmark

3

 

VOX, Norwegian Institute for Adult Learning

Norway

4

 

Instituto Superior de Secretariado y Administración

Spain

5

 

Kauno Technologijos Universitetas

Lithuania

6

 

Pixel Associazione

Italy

7

 

Masarykova univerzita v Brně

Czech Republic 

 

E’ stato predisposto un dettagliato programma che ha consentito al gruppo dei partecipanti – 14 persone provenienti da Spagna, Italia, Cipro, Lituania, Repubblica Ceca, Belgio, Norvegia – di socializzare molto tra loro.

            La visita è stata incentrata sullo studio e l’analisi del progetto COLTT (Collaborative Learning Teacher Training).        Il progetto COLTT è stato ideato per aiutare gli insegnanti a superare le difficoltà che incontrano nell’utilizzo efficace delle TIC (Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) quale strumento per la collaborazione e la comunicazione trans-nazionale.

         L’obiettivo del progetto COLTT è aiutare gli insegnanti a superare tali difficoltà, insegnando loro a lavorare in ambienti di apprendimento collaborativo on-line, elaborando un approccio innovativo che favorisca una collaborazione proficua fra gli studenti degli istituti d’istruzione che si occupano della formazione degli adulti, formale e informale.

Gli insegnanti potranno così offrire ai propri studenti un modo completamente diverso di apprendere, che sfrutti le potenzialità del lavorare in collaborazione con altri studenti provenienti da altri paesi.

Il progetto raggiungerà questi obiettivi tramite le seguenti azioni:

  1. La realizzazione del corso di formazione COLTT: “Come lavorare su una piattaforma web con lo scopo di integrare le TIC nell’insegnamento e l’apprendimento collaborativo – in un contesto internazionale”. Il corso di formazione prevedrà un incontro propedeutico, il corso di formazione stesso e una sessione post-workshop. Il progetto prevede un corso di prova e due corsi Grundtvig 3.
  2. La realizzazione di un manuale in formato cartaceo e in formato elettronico su come implementare l’apprendimento collaborativo basato sull’uso delle TIC nelle attività d’aula.
  3. La sperimentazione dei diari dell’apprendimento personale in formato elettronico, con i quali è possibile registrare le lezioni ascoltate, gli argomenti imparati e gli accordi raggiunti.
  4. L’organizzazione di un convegno internazionale durante il quale saranno presentati i risultati del progetto.
  5. La creazione e l’aggiornamento di una pagina web per disseminare gli esiti del progetto.

Gli obiettivi del COLTT sono:

  • Raccogliere le esperienze di formatori che sono stati coinvolti nell’apprendimento collaborativo basato sull’uso delle TIC
  • Compilare un manuale per insegnanti e formatori su come implementare l’apprendimento collaborativo attraverso l’uso delle TIC nelle attività d’aula
  • Testare e validare questo manuale applicandolo durante una serie di corsi Grundtvig 3
  • Garantire la disseminazione di questi risultati tramite l’inclusione dei corsi Grundtvig nell’offerta formativa di diversi istituti europei.

I beneficiari diretti sono gli insegnanti e i formatori coinvolti nella formazione degli adulti, che conosceranno meglio l’apprendimento collaborativo in ambiente web e che inizieranno le attività nazionali e internazionali per i loro studenti.

Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di:

  • usare piattaforme Internet per l’apprendimento collaborativo
  • scegliere una piattaforma secondo le proprie esigenze
  • adattare modelli esistenti ai bisogni locali
  • organizzare le attività d’istruzione e l’approccio didattico
  • motivare i discenti alla comunicazione via Internet
  • personalizzare le soluzioni didattiche e implementare un approccio flessibile
  • monitorare le attività basate sull’uso delle TIC in modo da valorizzare le caratteristiche del singolo discente
  • usare i diari dell’apprendimento personale elettronici.

Gli insegnanti:

  • Saranno formati in modo da poter insegnare ai loro discenti come apprendere lavorando in modo collaborativo
  • Diventeranno esempio e modello per i loro colleghi
  • Saranno in grado di offrire ai loro studenti un modo innovativo per acquisire nuove competenze.

Gli end user sono i discenti che avranno i seguenti benefici:

  • Conosceranno metodologie di apprendimento basate su un approccio didattico innovativo
  • Aumenteranno le loro competenze per quanto riguarda la comunicazione interculturale
  • Avranno l’opportunità di migliorare le loro competenze tramite attività altamente motivanti e coinvolgenti.

Per noi partecipanti la visita è stata entusiasmante; la città di Copenhagen è incantevole con i suoi molteplici canali, i danesi sono persone molto cordiali ed ospitali.

E’ stata un’opportunità molto positiva e proficua sul piano professionale ed una splendida esperienza di viaggio in questo piccolo Paese delle favole.